Nell’ottobre 2015, pochi mesi dopo la presentazione dell’Enciclica Laudato si’ e dopo l’approvavazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, nasceva la Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte dei Cammini e delle Ciclovie.

Un tavolo nazionale di lavoro

La Board prese forma nel 2015 a Brindisi quale esito di un progetto di cooperazione internazionale che vedeva nel ruolo di capofila Regione Puglia, ma si trasferì presto a Roma in Villa Celimontana, la casa degli italiani in movimento, già sede della Società Geografica Italiana, per poi diventare una variopinta carovana itinerante che si incontra lungo i percorsi di storia, di cultura e di pellegrinaggio dell’Italia intera, isole comprese.

La Board è un progetto di rete molto “liquido”, informale, aperto, a disposizione di quanti hanno a cuore lo sviluppo del Paese in chiave sostenibile. La partecipazione è infatti spontanea, libera e gratuita.

Possono aderire organizzazioni pubbliche, private, ecclesiali e del terzo settore che gestiscono itinerari di mobilità dolce (a piedi, in bicicletta, a cavallo, a remi, a vela e con ogni altra modalità naturale, comprese le forme di mobilità elettrica o che consumano energie rinnovabili). Il coordinamento è affidato a SIMTUR, rete nazionale di professionisti della mobilità dolce, che ha mantenuto in questi anni il disegno iniziale di un circuito di dialogo strutturato senza eccessivi formalismi, leggero e inclusivo, aperto e accessibile.

Sono nati così i Tavoli delle competenze, il Libro bianco degli Itinerari (“Del Viaggio Lento e della Mobilità Sostenibile”, edizioni ExOrma) e il Meeting annuale “All Routes lead to Rome”.


CONOSCI GLI ITINERARI ADERENTI


CONSULTA LA MAPPA DEGLI ITINERARI


MODULO DI ADESIONE (GRATUITA) ALLA BOARD


ENTRA NEL GRUPPO FACEBOOK DELLA BOARD